Doody’z, il fast food vegan di Mirco Bergamasco Doody’z, il fast food vegan di Mirco Bergamasco
Il campione italiano di rugby ha aperto, nel cuore di Padova, il primo fast food vegan in zona. Fiore all’occhiello la qualità dei prodotti,... Doody’z, il fast food vegan di Mirco Bergamasco

fast food vegan

Il campione italiano di rugby ha aperto, nel cuore di Padova, il primo fast food vegan in zona. Fiore all’occhiello la qualità dei prodotti, ovviamente, locali

E’ stato più volte sottolineato come una sana dieta vegan rappresenti la soluzione migliore per tutelare la propria salute e prevenire l’arrivo di patologie fastidiose. Eliminare gli ingredienti di origine animale dall’alimentazione quotidiana, è stato dimostrato, contribuisce a fornire benefici non indifferenti al fisico e alla mente, oltre a tenere il livello di colesterolo al di sotto dei limiti garantiti. Spesso però qualcuno si è chiesto se una scelta così drastica non sia, a lungo andare, dannosa soprattutto per chi svolge attività fisica ad alti livelli. Ebbene, qualsiasi sportivo che abbia optato per la dieta vegan vi confermerà quali e quanti siano stati i vantaggi ottenuti nella sua disciplina. Non ci credete? Se vi capita, chiedeto a Mirco Bergamasco che, per consolidare il suo stile di vita green, ha aperto Doody’z, un fast food vegan.

Campione indiscusso di rugby, a lungo uno dei pilastri della nostra nazionale, Mirco Bergamasco ha deciso di intraprendere l’attività imprenditoriale con l’apertura del suo fast food vegan insieme alla moglie. Posizionato nel cuore di Padova, Doody’z è il primo locale nel capoluogo veneto dedicato esclusivamente alla cucina cruelty free e ai prodotti 100% biologici. Una realtà innovativa per la cittadina che ha dato i natali a Bergamasco e che, allo stesso tempo, vuole mettere la propria clientela di fronte ad un binomio imprescindibile: alimentazione sana e salvaguardia della salute.

All’interno del fast food vegan di Mirco Bergamasco la scelta degli ingredienti è assolutamente a chilometri zero, visto che tutto arriva da produttori locali

Questo fast food vegan punta a candidarsi come una vera e propria catena che possa adeguarsi facilmente allo stile e alle abitudini dei luoghi dove potrebbe approdare. La base di tutto è la cucina e la scelta di un’alimentazione garantita, ovviamente, vegan e bio: un luogo dove la materia prima italiana si propone alla gastronomia internazionale, senza però dimenticare il concetto primario del mangiare sano.

All’interno del fast food vegan di Mirco Bergamasco, inoltre, la scelta degli ingredienti è assolutamente a chilometri zero, visto che tutto arriva da produttori locali così da garantire e incentivare l’agricoltura e le attività locali in genere. In più, puntando sulla cosiddetta “filiera corta” viene assicurata la freschezza e la qualità indiscutibile di ciò che, al termine del processo, viene servito in tavola. Mai come in questo caso, quindi, il valore dell’etica si accompagna a quello della salute. Lo scopo di Bergamasco, in questa sua attività infatti, è uno: rendere i propri clienti sicuri del fatto che, da Doody’s, ogni caposaldo della cultura vegan e del buon vivere viene rispettato al 100%. Compresa la qualità della vita dei dipendenti.

E se il fast food vegan prende il nome dal cagnolino di casa (Doody’z appunto) che, come era normale che fosse, ama la frutta e la verdura, allora significa che il risultato è stato centrato in pieno. Se avete in programma una visita a Padova, non ve lo perdete.