Frappè vegan: freschezza e gusto cruelty free Frappè vegan: freschezza e gusto cruelty free
Privo degli ingredienti animali tipici della versione originale, il frappè vegan può essere realizzato in molteplici versioni adatte ad ogni palato Nel 1985 i... Frappè vegan: freschezza e gusto cruelty free

frappè vegan

Privo degli ingredienti animali tipici della versione originale, il frappè vegan può essere realizzato in molteplici versioni adatte ad ogni palato

Nel 1985 i Righeira scalavano le classifiche musicali con il loro singolo “L’estate sta finendo”. Oggi, che viaggiamo ormai a vele spiegate verso il Natale, possiamo dire senza timore di essere smentiti che l’estate è finita. E anche da un pezzo. Ma noi non vogliamo pensarci. Il periodo dell’anno che nei mesi di luglio e agosto ci spinge sulle spiagge di mezzo mondo è, per tradizione, caratterizzato da vita all’aria aperta, cucina leggera e bibite dissetanti. Ce n’è per tutti i gusti: dall’anguria alla granita, dal gelato alle insalate, nessuno vuole appesantirsi troppo così da potersi rituffare subito in acqua e godersi il refrigerio che solo un mare cristallino sa garantire. E un frappè vegan lo avete mai provato?

Famoso per la sua freschezza e per il gusto inconfondibile della frutta di stagione, il frappè vegan è la versione cruelty free del più comune frappè. Perché dobbiamo parlare di frappè vegan? Semplice, perchè spesso, per non dire sempre, in quelli comuni potremmo trovare tracce di ingredienti di origine animale, cosa che per noi è ovviamente bandita. Il latte vaccino, tanto per fare un esempio, rappresenta, proprio con il frutto di turno, l’ingrediente base di un qualsiasi frappè. Ecco il motivo per cui oggi vi forniamo qualche suggerimento su come e con che cosa realizzare il migliore frappè vegan che abbiate mai assaggiato. Come dite? Fa troppo freddo in questo periodo? E vabbè, tenete la ricetta da parte e, al primo caldo primaverile, mettetela in pratica.

frappè veganLa prima versione di frappè vegan che vi proponiamo è quella alla vaniglia. Gustosissima e di rapidissima esecuzione, necessita di soli tre ingredienti: 3 tazze di latte di mandorla non zuccherato (se quello alle mandorle non è di vostro gradimento, potete utilizzarne un altro senza problemi), 1 cucchiaio e mezzo di vaniglia, succo d’agave o zucchero di canna integrale per dolcificare, a piacere. Se c’è una cosa bella del frappè vegan, al di là del sapore, è la facilità disarmante della sua preparazione: una volta mischiati gli ingredienti, mettiamoli in un contenitore di plastica o di vetro e poniamoli nel freezer. Quando saranno ghiacciati li frulleremo così da ottenere la nostra bevanda fresca e deliziosa.

frappè veganE da qui le versioni possono susseguirsi in eterno. Un’altra estremamente classica è quella del frappè vegan alla banana, molto amato dai bambini ed ottimo per una merenda sana e nutriente. Per realizzarlo ci occorrono: 2 tazze di latte vegetale (scegliete voi quale vi piace di più), 1 banana (congelata sarebbe meglio), fiocchi d’avena (più o meno un terzo di una tazza per la colazione), 2 cucchiai di noci, uno di semi di lino, vaniglia e cannella (un pizzico di entrambe). Anche qui, prima congeliamo e poi frulliamo, banana compresa che possiamo anche frullare a parte e aggiungere dopo per garantire ancora maggiore cremosità al tutto.

frappè veganInfine, ecco una versione che, volendo, potreste gustare anche in questo periodo: quella con biscotti e cioccolato. Nonostante debba essere servita fredda come le altre, potrebbe darci senz’altro più calorie rispetto alle precedenti. Procuriamoci: 2 tazze di gelato vegan, 2 tazze di latte vegetale, 4 biscotti biologici e vegan al cioccolato. Frulliamo i biscotti e, quando saranno belli sbriciolati, aggiungiamo il latte e il gelato. Anche questo frappè vegan è pronto: i baffi non se li leccheranno solo i vostri piccoli, ma anche voi, ne siamo certi.