Massa, la festa vegan più grande sta per iniziare Massa, la festa vegan più grande sta per iniziare
AssoVegan, in collaborazione con il team di VeganOk, vuole portare in Toscana una festa vegan come in Italia e in Europa non si sono... Massa, la festa vegan più grande sta per iniziare

festa vegan

AssoVegan, in collaborazione con il team di VeganOk, vuole portare in Toscana una festa vegan come in Italia e in Europa non si sono mai viste prima

Alimentazione regolare, vita sana e tutela della salute. La scelta di vita vegan passa per questi principi cardine che, nei fatti, rappresentano la spina dorsale dello stile green. In particolare a tavola si riscontra il risultato positivo generato dal saper dire “no” alla carne e alle proteine animali in genere. Il numero di persone che si avvicinano a questa scelta è in costante aumento e non solo in Italia dove sono oltre un milione e 150mila (per la precisione, il 9% della popolazione in base ad una ricerca dell’Eurisko): anche nel resto del mondo la scelta vegan sta diventando sempre più frequente. Anche il continuo fiorire di ristoranti e attività commerciali non fa altro che confermare questa tendenza, accompagnata anche da continui eventi e manifestazioni cruelty free in giro per l’Italia. La prossima? Andrà in scena a Massa, in Toscana, e già ora c’è da aspettarsi che possa diventare la festa vegan più grande di sempre.

Che si tratti di una festa vegan è assolutamente certo, come venga definita e in quali date si svolgerà è forse ancora un po’ presto per saperlo. Ciò che conta è che ormai, la maggior parte della popolazione, italiana o mondiale, è sempre più attenta alla qualità e alla quantità delle cose che entrano nelle dispense. Ecco perché Renata Balducci, presidente nazionale di AssoVegan, in collaborazione con il team di VeganOk e Marco Ientile, imprenditore proprietario di “The king of salads” e “King vegan coffee”, ha deciso di organizzare a Massa, nel 2016, la festa vegan più grande d’Europa.

Quello che, in via ufficiosa, si potrebbe provare a dire è che la festa vegan dovrebbe svolgersi in diverse giornate, nel corso delle quali si dovrebbero tenere anche dibattiti, spettacoli e seminari in cui verranno illustrati i vantaggi dell’essere vegani. Potenzialmente soddisfatti sarebbero anche i commercianti di Massa che avrebbero un ruolo di primo piano nell’organizzazione e nell’allestimento della cittadina. O, almeno, è questo ciò che si augurano e a cui puntano gli organizzatori: “Sarà per me un vero onore – spiega Renata Balducci, presidente nazionale di Asso Vegan – portare a Massa, la mia città natale, gli ideali e i principi di solidarietà della scelta etica vegan. L’evento che stiamo cercando di organizzare sarà unico anche per le dimensioni dell’iniziativa stessa e per l’autorevolezza delle figure coinvolte”.

Soddisfazione anche nelle parole di Marco Ientile: “Credo che i cittadini siano molto più attenti a ciò che mangiano rispetto a qualche anno fa, perché sono stati tantissimi gli studi scientifici che hanno dimostrato come, per prevenire tante malattie, sia fondamentale partire proprio dalla tavola. Per questo motivo vorrei portare nella mia provincia, dove anch’io ho iniziato la mia avventura da imprenditore, un evento europeo sull’alimentazione vegan”.